Casaralta Che Si Muove

La visita al… Parco

L’associazione Casaralta Che Si Muove il 20 aprile scorso ha potuto effettuare un sopralluogo tecnico all’interno dell’ex Caserma Sani disegnando idealmente gli spazi da destinare ad orto, alla coltivazione di piante aromatiche e frutteto, la serra e altro ancora…

Questo è stato possibile grazie alla disponibilità dell’assessore all’urbanistica Patrizia Gabellini che, pur non potendo esserci, ha concordato la nostra presenza nell’area con il demanio grazie all’architetto Giovanni Ginocchini dell’urban center che ci ha accompagnato per i sentieri del nostro Parco, sempre sotto l’occhio vigile del delegato del Demanio preoccupato che potessimo avventurarci in spazi non sicuri.

Abbiamo così potuto ammirare la vegetazione rigogliosa, progettare e considerare meglio come delimitare le aree degli edifici più danneggiati e quindi pericolosi.

Il nostro desiderio di portare avanti il progetto ha quindi preso ancora più corpo e prossimamente presenteremo il progetto all’amministrazione.
In questa nostra avventura chiederemo a tutti i cittadini di sostenerci e a tutte le realtà locali di aiutarci.

Potete trovare le fotografie della visita al link e grazie a Stefano Taurino anche un breve video che rende bene il senso del nostro percorso.

[iframe width=”420″ height=”315″ src=”http://www.youtube.com/embed/19OWOzhjkDI” frameborder=”0″ allowfullscreen]

Sostenete l’iniziativa Parco Subito – il giardino al di là del muro!

Tags: , ,

4 Comments to "La visita al… Parco"

  1. kgr ha detto:

    entusiasmante…orto, piante aromatiche, frutteto, la serra …
    bravi
    k

  2. MASSIMO LANDUZZI ha detto:

    Approvo e mi fanno molto piacere le vostre iniziative vorrei conoscervi meglio tenetemi informato – Io ho la fortuna di conoscere la caserma e penso che destinarla a Parco sarebbe una grande ricchezza non solo per gli abitanti di Casaralta ma per tutta la città.Ho la fortuna di viaggiare ogni tanto in Europa e quando vedo meravigliosi ed enormi Parchi con piste ciclabili , in tante città Europee , magari con fontane o laghetti penso che la vita avrebbe una qualità migliore, attireremmo turismo oltre che per la nostra storia anche per la bellezza del territorio.
    Abitiamo in una bella città , che è stata tra le prime a essere democratica innovativa e a pensare prima all’uomo del profitto,ma in questi ultimi anni sembra esistere solo il denaro (a breve termine ) facendo della cementificazione un folle baluardo di civiltà abbiamo costruito più del necessario lasciando in giro stabili dismessi, e pieni di rusco e piccoli fazzoletti di verde quasi mai collegati tra loro. E’ bello vedere gente che si ritrova in pace nel tempo libero a correre, a passeggiare tranquillamente, magari col proprio cane o a bambini che giocano tranquilli in un bel parco e la natura ci ripagherà di tutti gli sforzi e difficoltà, col fresco dell’ombra degli alberi con il canto di uccelli, vorrei poter avere come a Londra gli scoiattoli che ti vengono a mangiare in mano o paperotti che scorazzano tranquilli. Penso allo sforzo e alla bellezza del Parco della CA’ BURA, sarebbe forse stato più bello se fosse stato riempito di case , alveari magari vuoti perchè non servono a nessuno o nessuno ha i soldi per comprarli? . Grazie e complimenti

    • admin ha detto:

      Grazie del suo sostegno!
      Per conoscerci non mancherà occasione, la invietermo alle nostre prossime iniziative.
      Il Parco è un grande desiderio e necessità per questa zona della Bolognina, ci sono molti nodi da sciogliere ma contiamo di poter dare aggiornamenti presto.
      Saluti
      Valentina

  3. Carmela Carelli ha detto:

    Ho visto il video e ne sono rimasta stupita dalla bellezza naturale di cui siamo stati privati fin’ora. Apprezzo molto il vostro impegno nella valorizzazione del patrimonio naturale dei cittadini. Apprezzo e sostengo l’iniziativa. Buon lavoro.
    Carmela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

associazione per la valorizzazione del territorio